6 luoghi poco noti di Firenze

Firenze è la città più nota la mondo: arte, cultura, storia ed architettura qui si fondono per antonomasia. Bellezza e dettaglio caratterizzano il capoluogo toscano meta continua di turisti. Scegliere delle camere a Firenze diventa difficile se non ci si prenota in anticipo.

Museo degli Uffizi, Santa Maria del Fiore, Ponte Vecchio, Santa Maria Novella sono le mete più note di Firenze ma, la città del Giglio nasconde tanti altri segreti tutti da conoscere.

 

1 – Tepidarium del Roster: la magia degli angoli segreti di Firenze

Un piccolo gioiello: il Tepidarium del Roster, facile da raggiungere dalle camere a Firenze. Situato in via Bolognese, vicino Ponte Rosso  proprio all’interno del Giardino dell’Orticoltura. Il Tepidarium è  la serra più grande di Italia. Stile liberty per la struttura più particolare tra le serre di Italia. Vetro, ghisa e ben 650 metri quadri di copertura per accogliere piante esotiche.

Il Tepidarium è sempre ricco di piante grasse, esotiche e fiorite in più a partire dal 25 aprile di ogni anno si possono ammirare fiori esposti e la nascita delle farfalle. Un angolo magido di Firenze dove poter sorseggiare un po’ te o bene del vino toscano.

 

2- La Berta, una donna di Firenze

Firenze è anche curiosità. Non tutti sanno che sulla parete della Torre Campanaria della Chiesa di Santa Maria Maggiore sul lato che volge verso via De Cerretani si nota La Berta. Intorno a questo volto una simpatica leggenda: intorno a età 1300 un medico condannato a morte per stregoneria veniva trasportato al rogo proprio da quelle parte. Una donna, tale Berta, vedendolo passare insulta il condannato che chiedeva acqua per dissetarsi. Il condannato si lamentava la donna imprecava. Dopo qualche giorno del fatto, raccontano a Firenze, la Berta scompare ed appare il volto di pietra che ancora oggi si può osservare in via De Cerretani.

 

3 – Armi e mistero al Museo Stibbert

Tanti sono i musei di Firenze ma quello d’armi Stibbert è forse il meno noto, il più particolare misterioso. Si tratta della collezione di armi di Frederick Stibbert, un militare di antica origine anglo-italiana, nato a Firenze e vissuto in Inghilterra.

Stibbert, militare con alle spalle una famiglia di quelle radicate nella vecchia Europa, un nonno governatore del Bengala, armi antiche e particolari. Il museo nasce da una collezione familiare, oggi la collezione vanta armi particolari che vale la pena vedere dal vivo.

 

4 – Officina di Santa Maria Novella

C’è un luogo, al centro di Firenze che nessuno o quasi visita mai. Si tratta dell‘Officina di Santa Maria Novella. Dietro un portone di legno un mondo antico si apre: drappi, affreschi, lampadari, saponi,acque ed essenze, profumi naturali. Un tuffo a metà tra medioevo e giorni nostri. Si tratta di una delle farmacie più antiche del mondo nata intorno al 1200, è qui tra queste pareti antiche che è nato  il liquore Alchermes di Firenze.

 

5 – Il cimitero degli Inglesi: romantica Firenze

Nessun luogo è romantico per eccellenza come un cimitero, se poi questo è il cimitero degli Inglesi di Firenze allora non si può certo evitare la visita. Un cimitero monumentale ricco di fiabe, leggende, narrazioni e storie.  Il cimitero è situato Piazzale Donatello 38,  è qui che riposano scrittori come Elizabeth Barrett Browning o Theodosia Trollope.  Cipressi e statue, ghiaia e collinette ne fanno da contorno.  Un pomeriggio da queste parti regala una quiete ed una pace dell’anima unica nel suo genere, sembrerà di camminare attraverso le parole di una poesia sepolcrale.

 

6 –  Forte Belvedere: un panorama antico

Un luogo particolare, Forte Belvedere, qui tra campi sterminati e colline fiorentine si può immergersi in un mare di arte e di cultura ed inoltre dalle terrazze si possono ammirare panorami mozzafiato.  Da qui con un po’ di spirito di osservazione si possono ammirare il Giardino di Boboli, la cupola del Duomo, il l Museo degli Uffizi,  Santa Croce.

Il periodo migliore per visitare il capoluogo della Toscana è certamente la primavera quanto clima mite e tepore non troppo forte accarezzano la pelle, colori differenti e dolci ornano la città ma una visita da questa parti va sempre bene.

 

Rispondi