Milazzo attrattive da visitare

Che si tratti di una lunga vacanza o solo di qualche giorno, la graziosa cittadina di Milazzo, in Sicilia, offre una vasta scelta di luoghi belli e interessanti da visitare, senza contare la costa che è tra le più estese della regione.

Iniziando dalla sua posizione geografica, già si può dire che Milazzo è una città importante dal punto di vista turistico; infatti è da questa località che ci si può imbarcare per raggiungere le Isole Eolie.

Partendo dalla Riviera di Levante, dove si trova il porto, proseguendo verso Capo Milazzo e Punta Messinese, facendo dunque il giro della penisola per arrivare alla Riviera di Ponente, si può ammirare tutta la costa che offre da un lato costoni rocciosi sui quali si infrangono le onde, dall’altro bellissime, lunghe spiagge sabbiose.

Foto CC-BY-SA di Clemensfranz

Comunque la città stessa è interessante sotto tanti aspetti, soprattutto storici e culturali: tutta la parte più antica (stiamo parlando di popolazioni che risiedevano qui già nel XIV sec.av.C.) si trova nella zona alta, collinare, mentre i nuovi insediamenti si sono sviluppati sulla costa.

Il castello medievale domina la città; fu costruito dai Normanni e in seguito ristrutturato e ampliato prima da Federico II, e in seguito dagli Spagnoli. Possiede un bellissimo portale trecentesco con torri laterali.

Vicino alla fortezza c’è il Duomo Vecchio, in perfetto stile barocco siciliano. Continuando verso il Borgo antico, ancora parzialmente cinto dalle mura erette dagli Spagnoli, si arriva alla Chiesa della Madonna del Rosario, del XVI secolo. Si può vedere, vicino alla Chiesa, i resti del Convento che era in passato sede del Sant’Ufficio e del Tribunale dell’Inquisizione. Proseguendo si trova il Santuario di San Francesco dove si può ammirare la Madonna col Bambino dell’artista Domenico Gagini.

Arrivando nella parte più recente della città troviamo il Duomo Nuovo, edificato negli anni trenta, dove sono conservati, tra l’altro, tutti gli oggetti preziosi che stavano prima nel Duomo Vecchio.

La città si estende nella penisola fino alla punta estrema, Capo Milazzo, dove si trova il faro, dal quale si gode di uno stupendo panorama. In prossimità di Capo Milazzo c’è il Santuario rupestre di S. Antonio. Si dice che il Santo si rifugiò qui dopo un naufragio.

Sempre restando sulla punta della penisola, nella parte occidentale, cioè in prossimità di Punta Messinese, c’è la Piscina di Venere, o Laghetto di Venere. Si tratta di una piscina naturale di acqua marina, formata da rocce circolari. Ci si arriva scendendo una gradinata in pietra di più di 200 scalini, ma la fatica è ricompensata dalla piacevole temperatura dell’acqua e dallo spettacolo di cui si gode, soprattutto al tramonto, con lo sfondo delle Isole Eolie visibili in lontananza.

Sui costoni rocciosi ci sono anche diverse grotte, alcune visibili solo dal mare; la più grande è certamente la Grotta di Polifemo, che si trova proprio sotto al Castello. Ci sono pure la Grotta dell’Oro e, vicino a Punta Messinese, una piccola grotta chiamata “La Gamba di Donna”.

A poca distanza da Milazzo, più esattamente a 12 km, si trova la località di Santa Lucia del Mela ricca di monumenti da visitare, come il Palazzo Vescovile, la Cattedrale e il Castello che risale al XIV secolo.

Le più grandi attrattive di Milazzo restano sempre e comunque il suo mare limpido e le sue spiagge fantastiche.

Altri articoli che ti potrebbero interessare:

Rispondi