Vacanze in Corsica: cosa vedere

Nei tempi antichi, i Greci chiamavano questo luogo la “isola della bellezza”. Nei tempi moderni, la Corsica è stata inclusa nella top ten delle mete più romantiche del mondo. La Corsica, che attira quasi 3 milioni di visitatori ogni anno, è un’isola che si trova nel mare al largo delle coste della Francia e dell’Italia. Come raggiungerla? Semplice, sono numerosi i collegamenti marittimi per la Corsica, oppure si può optare per le tratte aeree.
Ecco 10 cose da fare in Corsica da inserire nella lista di priorità.

Corsica-BrandoFoto CC-BY-SA 3.0 di Pierre Bona

Godetevi le acque calde
Con il tempo perfetto del Mediterraneo, con le estati calde e gli inverni miti, le migliaia di chilometri di costa, si può resistere al richiamo di acque calde, cristalline dell’isola? Fate la vostra scelta tra le tante attività: nuoto, kayak, windsurf, canottaggio, pesca, snorkeling, o immersioni? I siti di immersione intorno alla Corsica hanno la fama di essere tra i migliori in Europa. Non avrete problemi a trovare posti per prendere il sole, dato che ci sono oltre 1.000 km di costa intorno all’isola con numerose calette isolate e insenature da scoprire.
Dalla costa occidentale, è possibile noleggiare una barca a vela per andare alla Riserva Naturale di Scandola, patrimonio mondiale dell’UNESCO, con incredibili scogliere rosse dove è possibile intravedere delfini, foche e falchi pescatori. Oppure, se siete nella parte sud, visitate Iles Lavezzi al largo del porto di Bonifacio, un gruppo di isolotti protetti, disabitati, con piscine naturali e infinite distese di sabbia.

Esplorate Bonifacio e la Cittadella
A Bonifacio, potete passeggiare per l’affascinante città con le sue strade strette e acciottolate, le case medievali e le cappelle pittoresche. Presto sarete attratti dalla Cittadella, una fortezza massiccia arroccata su un promontorio sopra il porto. L’imponente monolite del IX secolo è stato utilizzato come prigione durante la Seconda Guerra Mondiale e il suo ingresso ha ancora un antico ponte levatoio del periodo medievale. Il forte si affaccia sulle Bocche di Bonifacio e sulla vicina Sardegna. Tutto intorno, c’è una parete di roccia bianca verticale che scende drasticamente sul mare.

Costeggiate il mare
Perché non affittare una macchina e fare una gita lungo la strada costiera della Corsica, che offre 900 chilometri di strade panoramiche? Quando siete sulla costa occidentale della Balagne, assicuratevi di fermarvi nei paesini per sperimentare la vita e la cultura locale. Da non perdere, il suggestivo Golfo di Porto per ammirare una torre genovese che si trova in cima ad un pinnacolo a picco sul mare.

Sulle orme di Napoleone Bonaparte
Gli appassionati di storia possono seguire le orme dell’imperatore francese Napoleone, nato nella capitale della Corsica, Ajaccio. Troverete sua casa al Museo Nazionale della Casa Bonaparte lungo Rue Saint-Charles, dove ha trascorso i suoi primi nove anni. La casa è stata saccheggiata dai nazionalisti corsi, poi requisita dagli inglesi nel 1790, ma fu bonificata e ricostruita dalla madre di Napoleone. Il luogo divenne un luogo di pellegrinaggio per i rivoluzionari francesi. Ospita ricordi ben conservati del generale francese e della sua famiglia tra cui, secondo quanto riferito, un medaglione di vetro contenente una ciocca di capelli.

Filitosa
Visitate il sito preistorico di Filitosa, dove ci sono teste di pietra misteriose chiamate dolmen e menhir che sporgono dal terreno, la versione europea dell’Isola di Pasqua. Gli archeologi, che le attribuiscono al Neolitico, dicono che le figure raffigurano dei guerrieri primitivi che hanno combattuto contro gli antichi Egizi.

Fate un’escursione
In Corsica non c’è solo il mare, ma anche una natura incontaminata. Esistono escursioni adatte a tutti i livelli, da quelle rilassanti a quelle per professionisti. La Corsica offre più di un centinaio di vette da esplorare, con una vista pittoresca, affioramenti di granito e calette deserte intervallate da montagne, cittadelle, torri di guardia, cappelle, uliveti e campi coltivati con le capre e le pecore al pascolo. Ovviamente, qualsiasi passeggiata decidiate di fare, le scarpe da trekking e i calzini spessi sono obbligatori.

Cibi tipici della Corsica
Una fusione tra la cucina francese e quella italiana, la gastronomia della Corsica fonde i sapori delle erbe fresche, delle salsicce, dei salumi, del Brocciu (formaggio di capra), del miele, del vino e delle castagne. Siete golosi? Non andate vicino alla Boulangerie Galeani o non sarete in grado di resistere ai loro canistelli (biscotti a base di noci, mandorle, limone e anice) e al beignet de brocciu (frittelle di formaggio di capra), che hanno attirato e conquistato gli amanti dei dolci per molti decenni.

Altri articoli che ti potrebbero interessare:

Rispondi