Scopriamo le bellezze di Amalfi

«La Campania, per la sua fecondità detta Felice, fu con maggior lode chiamata Felice, & Amena. Era l’amenità propria della riviera del suo mare: la fecondità de’ suoi campi fra terra», scrisse nel Seicento lo storico italiano Camillo Pellegrino. Sono trascorsi quattro secoli ma la Campania, grazie alle sue bellezze storico-artistiche, alle meraviglie naturali e alle tradizioni culinarie, è ancora oggi una delle regioni più affascinanti d’Italia. È per questo che migliaia di turisti, provenienti da ogni angolo del mondo, ogni estate affollano le vie delle sue città più rappresentative, alla ricerca delle attrazioni che hanno reso questo territorio uno dei più raccontati da poeti e scrittori.

Amalfi

Foto CC – By by Paolo Costa Baldi

Dichiarata dall’Unesco un patrimonio dell’umanità, meraviglia naturalistica tra le più celebrate al mondo, la Costiera amalfitana è uno dei fiori all’occhiello della Campania. Questa zona di bellezze naturali e artistiche, che va da Positano a Vietri sul Mare, accoglie, lungo tutto l’arco dell’anno, turisti di ogni nazionalità. Così come il nome stesso ci suggerisce, la costiera amalfitana ha in Amalfi una delle sue località più importanti. Se avete deciso di trascorrere una vacanza in un paradiso turistico, Amalfi è davvero il posto giusto. Qui è possibile conciliare arte, cultura, mare, buona cucina e relax.

Fondata in epoca romana (Esattamente nel IX Secolo), Amalfi divenne celebre in tutto il mondo a partire dal IX secolo, quando si sviluppò il commercio marittimo del Mediterraneo. La sua fama è stata raggiunta quando è diventata una delle quattro Repubbliche marinare. Amalfi, oggigiorno, si è trasformata in una prestigiosa destinazione vacanziera ma la sua fama è rimasta, anzi la precede! Il merito va alla presenza di panorami di bellezza indescrivibile e all’immenso patrimonio storico-artistico. Sarà un piacere alloggiare in questo eden sul mare. Tra le decine di hotel ad Amalfi troverete, grazie a siti specializzati in offerte per vacanze come Expedia, quello che più fa al caso vostro. Qualsiasi sia la vostra scelta, le camere che affitterete ad Amalfi saranno certamente un punto di osservazione privilegiato sullo splendido panorama costiero. La cittadina campana è, infatti, piuttosto piccola, e non avrete alcun problema nel trovare un hotel con vista sul mare o, semplicemente, a poca distanza dalle attrazioni più importanti.

Cosa vedere, dunque, ad Amalfi? È presto detto. Una volta arrivati e posati i bagagli, raggiungete l’inizio del corso, dove si trova la Cattedrale di Sant’Andrea, simbolo dell’intera costiera. Di origini antichissime, il duomo di Amalfi è stato costruito e ricostruito, seguendo diversi stili: romanico, barocco, rococò e neomoresco. Potrete accedere al suo interno tramite un sontuoso portale bronzeo, che si trova sulla sommità di una spettacolare scalinata. L’interno, risalente principalmente all’Alto Medioevo, è molto suggestivo. Tra le opere qui custodite potrete ammirare degli affreschi duecenteschi e dei sarcofagi romani. All’interno della cripta, raggiungibile tramite una porta laterale, potrete ammirare un’importante reliquia di Sant’Andrea, patrono della città di Amalfi. Decisamente affascinante è anche il chiostro del paradiso.

Amalfi2

Foto BB-CY-SA by Sudodana2048

Ai piedi della scalinata si trovano alcuni dei ristoranti e delle pasticcerie più rinomate di Amalfi. Qui potrete assaggiare dolci prelibati e piatti della tradizione campana. Simbolo gastronomico della località è il limone, noto anche con il nome di sfusato amalfitano. I limoni della costiera, protetti dal marchio IGP, vengono utilizzati come ingrediente di dolci, pietanze prelibate e, soprattutto, per la preparazione del limoncello, liquore tipico di queste zone. Sarebbe un vero peccato scegliere di trascorrere qui le proprie vacanze e andarsene senza aver assaggiato il dolce tipico della costiera amalfitana: la delizia al limone. Un vero e proprio tripudio di sapori! Nei pressi del duomo troverete anche diverse botteghe caratteristiche, dove potrete acquistare prodotti tipici della zona e simpatici souvenirs. Poco distante si trovano anche il Museo della carta, il Museo civico e il Museo della Bussola e del Ducato marinaro. All’interno del Museo della Carta c’è la possibilità di ammirare tutte le antiche tecnologie per la produzione della carta (magli a pila, macchina olandese, macchina continua in piano) che sono state restaurate e rese di nuovo funzionanti. Infatti è un museo che nasce all’interno di una cartiera e ripercorre il processo dell’antica e famosa carta “Bambagina” di Amalfi.

È bello ed interessante scoprire questa piccola cittadina anche durante le sue feste tipiche, le cosiddette “feste di paese”, per scoprire la sua vera essenza. Importanti sono la festa dedicata al Santo Patrono Andrea, protettore dei pescatori e dei pescivendoli. Il giorno di Sant’Andrea è il 30 novembre ma i festeggiamenti in costiera sono posticipati alla fine di giugno e più precisamente dal 25 al 27 giugno. Secondo la leggenda nel 1544 il Santo scatenò una tempesta per impedire che il pirata saraceno Kair-Ad-Din conquistasse la città. Questa festa è caratterizzata da una processione per tutto il paese. La statua del Santo è portata fino alla spiaggia per poi essere consegnata ai pescatori che la portano di corsa fino al Duomo salendo con fervore le scale! Uno spettacolo da non perdere assolutamente! La serata si conclude con dei bellissimi fuochi d’artificio.

Un’altra bellissima manifestazione è la Regata Storica delle Repubbliche Marinare. Un evento che coinvolge le città di Amalfi, Pisa, Genova e Venezia, che a turno ospitano la Regata. Ogni quattro anni, in un giorno nel periodo che va da maggio a luglio, Amalfi si anima di uno spirito medievale. La competizione sportiva rievoca la rivalità e le imprese delle quattro città. Otto rematori su dei galeoni partono da Capo Vettica e arrivando a Marina Grande fanno un percorso di circa due kilometri. La regata è preceduta da un corteo di figuranti in costume storico.

La meraviglia di Amalfi resta ovviamente il mare. Nei pressi della fermata dei bus, a pochi passi dal Duomo, troverete una piccola spiaggia lambita da acque cristalline. Qui potrete rilassarvi e godere appieno delle bellezze naturali di questo luogo unico al mondo. La sua posizione è inoltre strategica. Da qui è possibile raggiungere altre perle della costiera amalfitana in pochi minuti come per esempio Minori, Maiori o Cetara.  Il piccolo comune campano riuscirà a coinvolgere tutti i vostri sensi, regalandovi una vacanza memorabile.

Rispondi