Toscana: la Val d’Orcia (Unesco)

La Val d’Orcia è l’emblema dei tesori naturali e paesaggistici che solo la Toscana può offrire al visitatore più attento e curioso. Del resto, scoprire la Toscana non significa soltato percorrere degli itinerari a Firenze o a Pisa, città ricche d’arte, ma conoscere anche le sue bellezze naturalistiche.

Nel caso della Val d’Orcia si tratta di una ampia vallata, alternata a morbide colline, in genere coltivate, sulle quali spuntano a sorpresa incantevoli borghi medievali, tutti da esplorare ed ammirare. La Val d’Orcia si trova in parte in Provincia di Siena ed in parte in Provincia di Grosseto. La valle è stata inserita dall’Unesco nell’elenco dei siti Patrimonio Mondiale dell’Umanità.

I borghi più caratteristici ed interessanti della Val d’Orcia sono Pienza, Montalcino, San Quirico d’Orcia, Castiglione d’Orcia e Radicofani.

La cittadina di Pienza è il vero simbolo della Val d’Orcia. Inserita nella lista dei Patrimoni dell’Umanità dall’Unesco, Pienza deve la sua fama ad un centro storico plasmato sui canoni estetici rinascimentali, caratteristica che la accomuna nella progettazione alla valle nel suo complesso. Da non perdere a Pienza ci sono la Cattedrale, il Palazzo Comunale, il Palazzo Vescovile e Palazzo Piccolomini,. Quest’ultimo è dedicato all’artefice della fortuna di Pienza, Enea Silvio Piccolomini, che riprogettò la città grazie all’aiuto dell’architetto Bernando Rossellino, trasformandola in quello che Pienza è oggi: un gioiello dell’architettura rinascimentale.

Montalcino è celebre soprattutto per la produzione del suo Brunello, un vino eccezionale, bevuto in tutto il mondo. Da vedere anche la Rocca trecentesca, il Palazzo Comunale e Piazza del Popolo.

Il Centro Storico di San Quirico d’Orcia è una piccola perla. Da vedere ci sono la Collegiata dei Santi Quirico e Giulitta, il Palazzo Pretorio, gli Horti Leonini e la Chiesa di Santa Maria di Vitaleta.

A Castiglione d’Orcia si può fare una sosta breve, giusto il tempo di visitare il Palazzo Comunale e le rovine della Rocca Aldobrandesca.

Radicofani è l’ultima tappa che consigliamo nella Val d’Orcia, se non altro per la presenza della sua Fortezza, una delle più grandi di tutta la Toscana.

Il territorio, inoltre, è molto frequentato dai turisti desiderosi di trascorrere una vacanza in agriturismo in Toscana. Qui si trovano le strutture più caratteristiche della regione

Rispondi